WebOnoranzaFunebre.com

Supportaci

Se questo sito si è rivelato utile aiutaci a migliorarlo sostenendo i nostri progetti con una piccola donazione.
Grazie
Facebook: onoranzefunebriFeedBurner: LaMorteNonFermerIlTuoVoloFriendFeed: onoranzefunebriTwitter: onoranzafunebreYouTube: onoranzefunebri

Iscriviti alla Newsletter

Leggi la Privacy Policy






Ricordatemi

Ricordatemi

Login






Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
I Viaggi dell'Anima

La paura della morte

E-mail
venerdì 29 agosto 2008

Il tema della morte non è affrontato serenamente nella nostra società nonostante ipaura della morte progressi  tecnologici, lo si preferisce nascondere aumentando la paura e l’insicurezza dentro di noi e abituandoci a condurre una vita di cui ci è sconosciuto il senso.

La morte è vista come la fine di tutto: del corpo, della vita, delle proprie emozione, delle relazioni. La maggior parte delle persone continua a credere che questa sia l’unica vita che esiste e la paura della morte cresce, anche solo parlarne fa subito irrigidire perchè si teme in qualche modo di attirarsela. Nonostante le religioni presentino tutte  immagini dell’ aldilà e parlino di una vita dopo la morte che dovrebbe aiutarci ad infondere di sacralità la vita sulla terra, c’è confusione su cosa ci sarà dopo.

Ma rimanendo legati alla paura della morte ci limitiamo a conoscerla e non ci permettiamo di assumere nuovi punti di vista su di essa.

Sarebbe interessante che nella nostra società occidentale, in particolare, si cominciasse a riconosce il potere della paura della morte e si svelassero i modi per affrontarla.

Se pensiamo a cosa ci spaventa effettivamente della morte, probabilmente vedremo che è il nulla, l’ignoto, il vuoto, l’idea che di noi non resti niente. Oppure l’idea di un castigo eterno dove si dovrà soffrire o essere tormentati per sempre, come ci hanno detto fin da piccoli, qualora avessimo commesso dei peccati. E chi non li ha commessi?

Tutte le rappresentazioni che vengono fatte della morte nei film, nei libri, nelle illustrazioni nei racconti, sono piuttosto terrificanti sedimentando nel nostro immaginario un’idea estremamente negativa della morte.

I modi di affrontare la morte, oltre a quello di evitarla e fare gli scongiuri, sono quello di chi vive in una sorta di illusione di immortalità secondo cui a lui non accadrà mai di morire, un po’ quella che caratterizza i giovani. Oppure chi l’affronta in modo ingenuo pensando che non c’è da preoccuparsi e che tanto andrà bene e sarà facile.

In nessuno di questi si pensa davvero ad affrontare la morte cercando di capire cosa è, cosa rappresenta, cosa ci puo’ insegnare, permane la credenza che sia solo la fine della vita, un appuntamento ineluttabilmente che non necessita di ulteriori approfondimenti.

Di certo non ci aiuta ad affrontare la morte lo stile di vita che conduciamo, saturo di una miriade di stimoli che ci distraggono, ci permettono di non pensare e ci aggradano a tal punto da non riuscire a vivere senza oggetti, senza comodità. Gli aspetti materiali della vita dunque vengono messi al primo posto e quelli spirituali quasi totalmente ignorati e si crede fermamente che le cose vadano così.

Pensare che la vita del corpo sia l’unica forma di esistenza possibile ci rende molto limitati. Conviene cominciare a domandarsi cosa è davvero essenziale, insospettirsi della morte, cominciare a guardarla in faccia per orientare la propria vita verso una direzione che ci faccia sperimentare senso e coerenza.




Segnala su OK Notizie!Digg!Del.icio.us!Google!Facebook!Yahoo!Ma.gnolia!Squidoo!

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Effettua il logi o registrati.


Aggiungi ai preferiti (60) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 35991 | E-mail

  Commenti (3)
Commenti RSS
Laura Nocera, il 30-11-2010 11:35 , IP: 93.71.227.166
vivere giorno per giorno vivere l'attimo
 1 La paura del nulla
Scritto da Segnala
gian, il 25-11-2010 02:18 , IP: 151.20.184.106
la mia vera paura non e quella di perdere ogetti o comodita', la mia vera ed unica paura e solo quella di vivere un solo giorno senza mia mamma o senza la persona che amo. 
io credo,o meglio spero sempre di continuare a vivere dopo la morte, spero di ritrovare i miei cari e di ristringerli tra le mie braccia, ma quando asistete alla resumazione di vostra sorella e vi accorgete che di essa sono rimaste solo 4 piccole ossa e uno sonosciuto le prende come se fossero 4 pezzi di plastica e senza importanzae rispetto ma soprattutto davanti ai vostri occhi le butta in una cassettina insignificante di ferro inizierete a pensare : 
'' MA DAVVERO QUANDO MORIRO RIPOTRO ABBRACCIARE LA MIA AMATA SORELLA?O I MIEI AMATI CARI? COLORO KE BACIAVO,STRINGEVO,AMAVO,ABBRACCIAVO STIMAVO E RISPETAVO PIU' DI OGNI COSA AL'MONDO?'' 
me lo auguro anche se dopo aver vissuto una cosa cosi straziante uno puo' pensare ke dopo la vita ci sia un altra vita puo' suonara come una grande cavolata x far si ke il dolore di aver perso un caro diminuisca.
 2 paura
Scritto da Segnala
 3 Paura
Scritto da Eros, il 20-09-2008 00:34 , IP: 87.16.126.153
La paura spesso invade i nostri cuori, difficile cammino ma l'unico possibile... superare la paura
 
< Prec.
© 2008 - 2011 Onoranzafunebre.com Copyleft citando la fonte. I testi sono di proprietà di Onoranzafunebre.com e non possono essere duplicati senza autorizzazione Onoranzafunebre.com non viene aggiornato periodicamente e non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina sull'editoria di cui all'art.1 -comma 3- della Legge n.62 del 7/3/2001. Onoranzafunebre.com è di proprietà di Idealsiti web agency SEO di Firenze Questo sito web è realizzato con Joomla!, rilasciato sotto Licenza GNU GPL. - P.Iva: 05848640487